OCEANICA

cristina bove

tempesta - Cristina Bove

Sapeva fare nodi alla marinara
cazzare rande e ripassare bugne
non sapendo di nuvole
quel tanto da imparare le tempeste
errava di bolina
per scontare miracoli
così da poter essere acclamata
santa dei giorni dispari.

Resse il fasciame ma la velatura
fu divelta coll’albero maestro
e le sirene
ebbero gambe a dipartire il mare

i pesci quando piangono
hanno lacrime d’aria

le polene si arrendono agli abissi
non sanno camminare.

(p.68 “Mi hanno detto di Ofelia” Smasher -2012)

View original post

Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

3 pensieri riguardo “OCEANICA

  1. Per scontare miracoli
    – che le sono distanti e al massimo la sfiorano d’istanti –
    s’è ritrovata calata in giorni dispari d’anni bisesti…
    perché d’affetti e d’intelletto sono pochi gli onesti.
    Tutti ascoltano volentieri Scilla e Cariddi
    – sono belle e affascinanti le sirene –
    non importa se il loro canto inganna…
    lei è donna vera e non v’era altra speranza.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: