Salta la navigazione

Monthly Archives: luglio 2020

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Attrarre parole sensate è difficile

_ quasi non succede neanche più _

allora le voci diventano fastidiose

ci barrichiamo pur di proteggerci

ci turiamo le orecchie come bimbi

restiamo a lungo al sicuro _ avvolti

persino avvinti _ da quel frastuono

dentro alla pellicola di noi stessi

_ sembriamo dei pesci surgelati _

sigillati _ ibernati _ in quel silenzio

senza riservarci nessuno spiraglio.

Cerchiamo di rivenderci l’inutile

in una fiera del tutto improbabile

comunque ammantati di silenzio

_ nell’intensità d’una pace artefatta

accendendo fiammiferi di sogni _

barlumi di illusioni troppo fiochi

_ spesse volte si spengono subito _

però poi ci balena in testa il genio.

E finalmente è la resa

_ procediamo spalancando tutto _

la luce ritorna e un tempo sarà eterna

ci scova ovunque

allora diamolo un senso a queste parole

_ fosse anche libera interpretazione

ma dobbiamo pensare ogni volta _

e usare la…

View original post 13 altre parole

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

“Tutto era perduto? Era inevitabile che fosse cambiato? Dovevo dimenticare? Dobbiamo chiudere gli occhi? Dobbiamo perdonare, poiché ognuno vive di briciole? Dobbiamo pensare che tutto ciò che ci tormenta è ben piccola cosa visto dalle lontanissime stelle, Altazor, Grapatax, Mab, Zelda e Dandelion? Oppure, proprio perché siamo piccola cosa, dobbiamo combattere per la nostra briciola di giustizia, o le stelle crolleranno?”

(Stefano Benni)

Se c’è una cosa, e c’è, che non riesco ancora a tollerare (sebbene io finga di non accorgermene e di non capirla, anche per lunghi mesi), è esattamente questa. Dovermi arrendere a comportamenti scorretti, senza alcuna ragione, almeno non espressa, né dichiarata.

Tu sei gentile e loro ti offendono, tu capisci e loro ti temono, tu esponi le tue idee sinceramente ma loro plaudono inevitabilmente a chi è più pusillanime di te.
E, come non bastasse, usano due modi per ferirti: il tono alto o il silenzio…

View original post 149 altre parole

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Ogni santissima volta

in cui devo ripetermi inutilmente

sento un’umiliazione

la solita _ significa nessun ascolto _

e avrebbe dovuto essere evitata

non ho chiesto la luna

né una cosa nuova e particolare

ma la stessa semplice consuetudine

però mi si accusa persino se sono seria

e allora sì

vada come vada ci devo diventare

anche se stavo spiegando in dettaglio

da un viva voce e con precisione

mi sono stancata

d’essere giudicata ogni volta

da chi non ha capito ancora

cosa deve fare e cosa no

il giorno in cui cambierà la prassi

sarò io stessa ad avvertire

intanto continuo a prendermi tutto

giudizi negativi e croci addosso

_ gentili omaggi _ dalla premiata ditta

che aggiunge al male banalità e dolore

ma io ho spalle forti _ sono esperta _

datemi pure tutti i vostri dubbi e così sia.

@lementelettriche – di Paola Cingolani

View original post

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Vivere è andare oltre. Questi giorni per me strani, complessi, difficili, all’improvviso si sono trasformati. Ho visto una sorta di dispiegamento di forze tutte volte a riaccendermi il sorriso mentre, Deo gratias, non mi si è mai spento l’intelletto.
Bellezza è trovarsi dopo mezzo secolo, dopo mezz’ora o dopo una giornata di lavoro con tua madre e sorridere.
Affetto è spingere a mangiare chi ha perso l’appetito, raccontarsi segreti, trionfi e sconfitte con la naturalezza dichi si è vista sempre o mai, non importa. Affetto è attivarsi all’ascolto aspettando che l’altra voglia parlare, rispettandone tempi e spazi, senza chiedere mai.
Non sono ventotto anni, né cinquanta, né un’ora a stabilire la qualità.
A volte si sbaglia, altre si è giusti, altre ancora si evita di cadere nelle trappole del giudizio e nelle etichette.
Non siamo barattoli su di uno scaffale da prendere per consumare preferibilmente entro una data stabilita o…

View original post 66 altre parole

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

L’esserci vicini senza mai conoscerci né riconoscerci

è tutto quello che ci sprona inutilmente a cercarci

e allora _ se verrai da me _ ti donerò la brezza

giusto perché muova un po’ i tuoi capelli

con qualche caramella dolciastra

quasi tu fossi una bambina

ti regalerò un cappello nuovo _ anche _ tutto per te

e avrai a disposizione un’estate strampalata

con fili d’erba dove poterti sdraiare

per un sonno lieve e leggero

che non ti lasci pensare

e ti consegni all’oblio

@lementelettriche – di Paola Cingolani

View original post

Forse avremmo dovuto essere molto meno pusillanimi

perché sai _ non so come dirlo _ ma io mi volevo libera.

Non ho più niente se non una spada di Damocle in testa

e mi sento amareggiata dato che sopravvivo nel surreale

_ mi hanno deprivata sia della speranza che della libertà _

mi hanno dato solo una grande sporta di nausea in cambio

ad essere onesta mi sono cadute le braccia

mi si flettono anche le gambe _ lo confesso _

mi gira la testa come stessi andando sulle montagne russe

e la mia fede nel valore altrui è quasi evaporata _ svanita _


***

domando se potrà essere utile chiedersi che mai accadrà

_ se c’è ancora un senso nelle cose o che altro ci aspetterà _

perché se proprio dovessi conservare qualche energia sana

sarebbe utile impiegarla nel disimparare tutto

per immergersi in una sorta di oblio universale







Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Non mi sono mai piaciuti i ricordi

né mi sono mai appartenuti

sono patrimonio del passato

testimoni che non sei più qui

come se non me ne fossi accorta da sola

come se tu non mi avessi insegnato niente

come se io mi potessi permettere di piangere

poi non servono a nessuno

o quasi

si tirano dietro soltanto l’impossibile

rabbuiano i giorni presenti e quelli a venire

ammazzano il tempo e la pace

non ti si scollano di dosso

sono neri come la pece.

Facciamo così _ signor Mare _ ma aiutami

mi sembra un discreto compromesso

io vado avanti

come se nulla fosse

tu mi vieni incontro con le tue onde

e ci teniamo a mente solo i nostri sorrisi

tanto nessuno mai al mondo li immaginerebbe

sai _ chi non ha avuto l’abisso intero

tutto soltanto per sé _ non ci crede

e di certo io non gli…

View original post 43 altre parole

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Sei un gioco di luci ed ombre

_ un vero gioco al massacro

fra tante ombre e poche luci _

direi che possiedi l’abilità non rara

di oscurare qualsiasi cosa possa brillare di suo

_ specialmente ogni persona

se la vedi splendere più di te _

quella tua assurda fame è atavica

e non si placa mai finché spolpa e divora tutti

_ in te c’è una belva feroce

acquattata ed assai celata _

ma sei solamente una trappola fra le più comuni

una sorta di anima malata e predatrice con tutto

salti fuori all’improvviso come fanno gli alligatori

vivi nascosta da quel fantasma pio che non sei tu

sai come giustificare ogni tua malefatta ma attenta

quelli come te li riconosco

e la luce vince sull’oscurità

io non temo voi immateriali

sono padrona d’una mia realtà

mai parallela e

fatta di luce

@lementelettriche – di Paola Cingolani

View original post

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

UNUS MUNDUS – DI PAOLA CINGOLANI

Esiste un principio in noi

si trova nel profondo

e _ ad arrivarci _ è tutto

significa inabissarsi per volare

oltre i guai

oltre i mali

oltre le difficoltà

solo questo è il mondo migliore

ma è il più nascosto

perché nell’immediato

si vede solo il mondo superficiale

dove ogni cosa

ogni sensazione

è tale da condizionare chiunque.

Cerchiamo UNUS MUNDUS in noi

la gioia di vivere vi risiede

lo accompagna con costanza

lo caratterizza oltre le tristezze

che ognuno cerchi l’atmosfera di pace.

View original post

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Con chi ma non con chiunque

credo non si resti delusi

soltanto perché abbiamo

raccolto male

o poco

o nulla.

Penso che tutti soffriamo

per le costruzioni mentali

per le aspettative

per ciò che ci creiamo da soli

come se il resto già non bastasse.

Gli altri non siamo noi

e per poter valutare correttamente

ci vuole trascorra il tempo necessario

mentre si tenta di vivere al meglio

è fondamentale non subire

condizionamenti

né pregiudiziali

col prossimo o

con noi stessi.

Le emozioni non possono andare in aspettativa

non a causa di sciocche complicanze

quelle sarebbero inutili deviazioni.

@lementelettriche – di Paola Cingolani

View original post

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: