L’ebrezza della brezza. Il vento, quando arriva, arriva.

Vorrei essere brezza, ebrezza e temporale. Come quei temporali d’agosto, repentini, impetuosi sì da far volare cose. Hai presente quando – d’improvviso – il vento spalanca la tua finestra, entra nella stanza e sposta tutto senza però che tu perda nulla… già: ti resta tutto ciò che c’era soltanto hai in più la carezza lieveContinua a leggere “L’ebrezza della brezza. Il vento, quando arriva, arriva.”