Salta la navigazione

Monthly Archives: febbraio 2019

 

– Si annoti a margine la seguente declinazione di pensiero –
non si distingua mai più fra falso o vero
non ci si tuteli nemmeno dall’ingiusto
si faccia com’è che si vuole e con gusto.

– Si proclami alla pubblica piazza l’intenzione brillante –
non si distingua affatto fra la tanta gente
non si abbiano solo due pesi né due misure
si abbondi anche nel così è perché mi pare.

– Crepi l’avarizia per questa annotazione e si colpisca senza esitazione –
non si calcoli mai più azione né reazione
non si segua più nemmeno un’emozione
si usi pure solo la tecnologia e ognuno vada via.

– Sia apposto un tasto rapido accensione e spegnimento –
a qualunque vecchio umano turbamento
a qualunque obsoleto sorridere o sentire
si faccia solo click e quel che più ci pare.

– Che l’aggiornamento valga seduta stante in modalità attiva e retroattiva –
non ci si esponga senza il nuovo pulsante
non ci si curi più del rispetto per la gente
basti un tasto a fare bene e così si conviene.

– Nota a margine mia scritta nero su nero –
per me auspico non sia mai mai mai vero
per me io vi cedo immantinente il bottone
nulla ha più fascino d’una viva sensazione
e quando nelle vene non mi scorresse più sangue
sarei morta almeno essendo prima stata vivente.

 

Annunci
Quelli che non ricordano nulla dovrebbero mediare col proprio cervello e scusarsi con l’intelletto altrui offeso. C’è chi ricorda, anche.
Chi dimentica ciò che promette dovrebbe smetterla di parlare, perché dire e contraddirsi non è esattamente fra le arti più nobili dell’umanità.
Chi distrugge regolarmente piani, lasciando che gli altri vengano a dover scegliere fra l’amor proprio e l’altrui dileggio, reitera un peccato imperdonabile.
Dimostra malafede.
Inutile pontificare “Me ne dolgo, ho lasciato che fosse, un po’ per vigliaccheria e un po’ per orgoglio.”
Se riceve il dono della fiducia per la volta ennesima, l’individuo che la merita è attento a non disintegrarla.
Conflitti e collisioni non dovrebbero mai polverizzare entusiasmi che avrebbero saputo dare colori e sapori nuovi al quotidiano.
L’entusiasmo è come una luce, è un fuoco acceso in un’isola: se lo si spegne non lo si può riaccendere.
Nei naufragi rispettabili non sono previsti fiammiferi.
***
Meglio una scatola momentaneamente vuota ma asciutta o un cerino consumato?
Io preferisco la scatola di qualità. Se al momento è vuota resta comunque un contenitore però, di un cerino bruciato, non c’è niente e nessuno che sappia cosa farsene. Neppure una semplice scatola.

Ad ogni buon conto ribadisco: nei naufragi della vita non c’è mai stato alcun fiammifero.

 

 

82b639b3ff72b7a9bffc0c47a3968c47

coccopurple
H. Newton Picture (with purple light)

Ci sono volte
nelle quali
_per guardare
e decifrare
il nostro mondo 
quello interiore_
è necessaria
un’ottica
fantastica
da poeta.

Così m’allontano:
perché il mondo
visto con l’occhio
della mia poesia
diventa più bello.

Anche all’oscuro
o senza mari
o senza cieli
o senza stelle
o senza di te.

Il pericolo c’è
_è solo tuo
se m’allontano_
a volere volare
non si smette
basta imparare.

E per la luce viola
_la lontananza
aperta alla misura_
scriveva Ungà
già.

Sono molto forte
_ho un alligatore
intera_mente viola_
lo posso domare
da tutta la vita
e non temo ferita.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: