Prendo un sasso e ci parlo

Che cosa buffa: i più mi trovano incisiva, diretta, capace di esprimere un concetto in modo estremamente chiaro e senza alcun inutile giro di parole. Poi, qualche sasso, non sente. A volte ci sono di quei sassi: sono i sordi, quelli che proprio non si possono penetrare. Ma io tento, sono una temeraria, voglio vedereContinua a leggere “Prendo un sasso e ci parlo”

In limine

E’ tutto un tale paradosso che io mi sento “in limine”. Ai limiti dell’assurdo… e ci sono arrivata seriamente all’estremo punto di rottura, dove – forse – sfocerà tutto nel silenzio più sordo. Bevitelo, a sorsate, è tutto tuo. Non saprai mai cosa m’è accaduto davvero, no, non tu. Non dirò nulla che possa farContinua a leggere “In limine”