Salta la navigazione

Tag Archives: #Risposte

“Le vittorie più intelligenti sono quelle dov’è l’avversario a capire che deve arretrare. Non solo si risolve tutto, ma c’è la sua totale resa: è l’ammissione della vostra assoluta integrità. Finalmente.”
Era il 17/10/2013 e posso dire che la legge è lunga ad arrivare, specie per chi è nel giusto, però arriva ed è inesorabile con chi è reo.

“A nemico che fugge ponti d’oro.”

Aspettare di riprendersi ciò che è il proprio diritto, per quasi 23 anni, significa che non è mai stato un pezzo di carta a condizionare la vita di nessuno. Al massimo può soltanto averla sfiorata, senza riuscire a contaminarla. E, qualsiasi fuga, oltre a non risolvere i torti fatti, ne amplifica la gravità.
Da 6 anni, ogni 17/10, mi sento persino più fiera di me.
Da 6 anni, ogni 17/10, mi dispiace che mio padre non sia riuscito a vedere come ho concluso brillantemente tutto. Meritava di ricordarlo, è sempre stato paladino della mia libertà, anche in tempi più sereni, quando ero solo ragazzina.

“Babbo, stai tranquillo, ovunque tu sia: nessuno potrà danneggiarmi mai più. Io sarò sempre la madre e il padre di Giulia. Continuerò a sentirmi erede di ogni tuo ideale e lo farò fregandomene di chiunque creda di potermi condizionare. Sarò sempre libera, come mi hai insegnato tu. Riserverò il meglio esclusivamente a chi potrà capire. Il guaio, caro babbo, è che non vedo nessuno in grado di capire. Anche per questo mi manchi clamorosamente, signor Cingolani. Il mondo è pieno di mediocrità.”
Annunci

SocialBookDay 2019

Io e @Libreriamo torniamo sui vari canali social – specie su Twitter – il prossimo martedì 15 ottobre 2019: ci saremo con l’hashtag #SocialBookDay sperando, come ogni anno è accaduto, di entrare in tendenza insieme al prezioso contributo di tutti voi.

Lucio Annio Seneca scrisse:
– “ Fa una scelta di buoni autori e contentati di essi per nutrirti del loro genio se vuoi ricavarne insegnamenti che ti rimangano. Voler essere dappertutto è come essere in nessun luogo. Non potendo quindi leggere tutti i libri che puoi avere, contentati di avere quelli che puoi leggere.” –

Questo è ciò che ci prefiggiamo insieme, come sempre, e parafrasando Seneca, faremo una scelta, la migliore possibile, citeremo con il solo #SocialBookDay alcune frasi e alcuni autori che – per noi – costituiscono un importante riferimento. Senza mescolare l’hashtag con altri perché – voler essere dappertutto è come essere in nessun luogo – e, non potendone citare più di uno per ovvie ragioni, chi sceglierà di celebrare la giornata del libro attraverso Twitter non dovrà fare altro che scrivere [ #SocialBookDay @Libreriamo @PaolaToogoodxme, il libro (una frase o un’immagine), l’autore ].

 

Faremo #Retweet a tutti, chiaramente.


Perché ci teniamo sempre molto a fare grande questa iniziativa?
Semplice: perché crediamo che il Social Network sia uno strumento attraverso il quale è possibile veicolare di tutto, anche la cultura e l’amore per la lettura, non solamente fake news o gossip.

Le nostre esperienze insieme sono tutte volte a dimostrare che si può imparare – per poi generosamente raccontare – quanto di piacevole si è capito da ciò che si legge: to share, condividere, è e resta il termine chiave della rete. Ecco che, per l’entusiasmo di ogni lettore, condivideremo tutti le emozioni derivanti dalle nostre letture.

 

Il sapere è infinito, ogni giorno possiamo aumentare le nostre consapevolezze e la cultura è il bene supremo, quello che ci potrà salvare rendendoci persone migliori.

Rinnovo l’appuntamento su Twitter per martedì 15 ottobre ma, qualora non foste su Twitter, potrete partecipare su Instagram o su Facebook con le vostre scelte letterarie e #SocialBookDay.

A presto e… siateci, in tantissimi, come ogni volta!

[ @Paola Cingolani Uno Facebook @Libreriamo Facebook
@UniversoVersi Facebook pagina ] @libreriamo Instagram
@Toogoodxme Instagram

@PaolaToogoodxme Twitter @Libreriamo Twitter

e #SocialBookDay è l’hashtag: facciamolo grande!

 

s b d 3

(Lo so che non sai che io so) – Sottotitolo.

L’ignoranza è sempre colpevole.
Una delle sue colpe primarie – per dire – è l’arroganza nel parlare a sproposito. A fare il paio col non sapere, c’è la tanto invocata buona fede, sua degna compare: non vi saprei dire quale delle due sia più dannosa.
La buona fede è un pericolo mortale, il più delle volte, per chi è onesto.
Essere sinceramente in buona fede significa comunque che – a prescindere – c’è un errore di mezzo, già è male. Se poi fosse una finzione, allora, sarebbe una vera e propria situazione non dimostrabile, ché il processo alle intenzioni come lo fai?
Puoi attribuire al prossimo tutto il dolo possibile ma, di fatto, ci sei caduto dentro come un allocco e – quando l’hai capito – non eri più in tempo per recuperare.
L’ignoranza, oggi, è una scelta. La cattiva coscienza lo è da sempre. La fiducia mal riposta è una leggerezza che chiama in causa la stupidità fino a rasentarla.

Questo me lo devo. Ho creduto per troppo tempo che la mia buona fede e la mia onestà fossero doti positive, che traducessero il mio animo ed il mio pensiero pulito, trasparente. Invece, in questa stagione, ho capito di dovermi allenare maggiormente al dubbio. Non tanto, da vivere male, ma abbastanza da evitare di prestare fede a chi è più disonesto di me. Altro che resiliente: lo sono stata sin troppo e mi ero ammalata a furia di rimbalzare i guai. Figurarsi. Devo essere un po’ più “bonsai”, un po’ più zen. Gli orientali direbbero la parola più bella del mondo: “nankurunaisa”.

Aspetta e continua a far evolvere il tuo pensiero, poniti le domande mentre osservi. La risposta che oggi non trovi arriverà nel momento opportuno, quando sarai pronta a riceverla. Ogni domanda irrisolta adesso, irrevocabilmente, vedrà una soluzione a suo tempo. L’importante è che le volute del tuo pensiero siano abili ed allenate, specie a quel famoso “Conosci te stesso” che è luce necessaria per capire anche l’altro.

Ho pensato più in questa stagione da sola che in oltre due anni di confronto.
Ho capito tanto da stupirmi.
(Un po’ mi sono stupita anche per alcune facce di bronzo, diciamolo, ma non sono problematiche mie, dunque le escludo.)
La domanda che mi echeggiava in testa da due estati non era priva di risposta, anzi, era quella più illuminante.
Facciamoci ogni domanda lecita e, per prima cosa, guardiamoci dentro l’anima. Ragioniamo.
Qual’ora l’interlocutore non volesse rispondere, ha già confermato.

Non so com’è – non saprei dire – forse è una coincidenza? No, le coincidenze non esistono ma, di contro, esistono alibi e appartengono sempre ai disonesti.
Mi arrendo? No, mi ero già arresa, anzi, non ero mai entrata in competizione. Così, settembre, mi ha fatto un notevole regalo già col suo incedere. E benvenuto sia.

(Nella foto un post di mia figlia a soli 22 anni: lei è quella che ha sentenziato come, neanche nell’album delle figurine Panini, si potrebbero collezionare figure simili.)

Sì: c’è chi ignora, è vero, ma non sono io.

01/09/2019
@lementelettriche

45008095_10216644395203945_8772455416291393536_n

[…]
semmai ti andasse un sogno di traverso
ti porterò un amore surrogato
e un po’ ma solo un po’ di tenerezza
un’ansia moderata
che insegni l’arte del dimenticare
prima che sia la fine

dagli anni delle tavole da surf
ai luoghi di penombra
in sabbie immobili
[…]

Cristina Bove

siccome mi è andata di traverso la realtà
mi servirà un sogno fasullo
e un po’ ma solo un po’ di umanità
un’angoscia attenuata
che aiuti l’operato dell’oblio
prima che sia tardi

dagli anni delle pinne da subacquea
al lettino da signora âge
su sabbia rovente

Paola

[Crì, oggi, rileggendoti, mi sentivo di risponderti così]

“S’è perso il significato dell’essere umano.”
La sua riflessione continua a condurla solo a questo pensiero.
Nonostante abbia tentato in ogni modo di vederla diversamente, con tutto il carico di amarezza che ne può derivare, lei è giunta a questa conclusione.
Purtroppo si sono persi gli uomini: credono che la grandezza sia esclusivamente riferibile ad uno status sociale e alla propria realizzazione in ambito professionale.
Navigano a scarroccio, si lasciano portare nel mare dell’esistenza senza cartografie né strumentazioni necessarie – come privi di qualsivoglia coordinata umana – mentre le donne, proprio come loro, si sono del tutto perdute inseguendo l’apparire.
Non distinguono più la femminilità dall’omologazione. Sembrano tante maschere, tutte riprodotte in serie, come delle matrioske. Spendono un pacco di soldi per farsi le bocche tutte uguali, pompate come i copertoni delle biciclette, simmetriche esclusivamente nei casi più riusciti – bambolone vive dalle sopracciglia tatuate con apostrofi neri – però sbagliano a mettere quelli nelle parole. Pupe agghindate con abiti di tulle, persino oltre i cinquant’anni, ma prive di stile, di classe, di essenza. Senza unicità. Identità vuote, persone senza alcuna poesia e carenti d’ogni stimolo traducibile in passione – ma non soltanto – e questo siamo diventati. Quasi tutti.
A furia di scarrocciare peschiamo con la rete del web, la rete “a circuizione” peggiore, che era nata per ben altre ragioni.

Gli uomini reiterano l’errore di cercare una darsena, un approdo senza alcuna corrente.
Le donne continuano, pur lamentandosi, ad accontentarli: paradossalmente sono peggio di loro e non s’avvedono di essere solo prodotti standard.

 

In questo “esserci non essendo”, avendo soppesato quale retto, corretto ed educato il mio interlocutore, persino io – nella mia naturalezza – ci sono incappata: sono umana, sbaglio a valutare una tantum, non sono né una divinità e neanche posso interrogare un deus ex machina. Ho già eloquenti silenzi se mi rivolgo al solito demiurgo, figuriamoci se mi posso considerare immune dal resto. Per carità.

Solo mi terrorizzano le persone adulte che ancora non hanno maturato la capacità di parola, perché – se si vuole interloquire con chiunque – è necessaria e proprio questa ci rende differenti dalle bestie.

[ La matta bestialità della gente comune è letale e pari ad un veleno: uccide lentamente.
Non senza dolori atroci. ]

“La triste abitudine di distanziarsi senza proferire parola è una cosa che mi ha sempre offesa e, se facendomi violenza l’ho detto una volta a qualche mia amicizia, dal 28 giugno 2019 – giorno del mio compleanno, non lo dirò mai più.”

A qualsiasi costo ha preso una decisione ché dirsi da soli “Me ne dolgo” o anche “Va tutto bene” è cosa che non la convince: ad altri tutti i riguardi, a lei neppure una croce sul calendario?

Aspetta da sempre: era bimba e già aspettava – avevano tutti delle fondamentali priorità i grandi – eppure non si lamentava. Oggi è troppo adulta per non aver capito com’è che gira il mondo. Lo aveva capito già, intendiamoci, ma si era prestata fino a quando ha ricevuto la minima considerazione. E si parla di un ruolo marginale.

Quando una donna non ha niente di marginale, allora, dopo aver visto che l’altrui “non essere” trionfa sempre e comunque, anzi straborda, si fa il regalo di valere.

Potete scrivere trattati, libri, stilare piani e chissà cos’altro ma, se non sapete che domandare è lecito e rispondere è cortesia dovuta ed elementare, vi siete svelati personaggi scarsi. Il trionfo dell’ovvio.

Lei non scappa: ha eretto la sua fortezza con tanto di pennone e bandiera al vento.
Non si nasconderà mai, lascerà siate voi a voltarle la faccia. Lei non odia e neppure prova bieca indifferenza. Lei è educata, risponde, anche nelle sue giornate peggiori.

(Metto la freccia e svolto, a destra: voi proseguite per l’abitudine, anche se siete così irrequieti da continuare a sentirvi legittimati ai giochi. Le persone non sono tutte così e, magari, alcune intelligenze – facendovi l’estremo dono – vi si ribellano.)

 

road england

“Passeggere: Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?
Venditore: Speriamo.”

_ Giacomo Leopardi

Il viaggio come metafora della vita, questa vita che – di anno in anno – ci auguriamo tutti sia densa di bellezza.
Parliamo, ci confidiamo con chi ci vuole bene, gli confessiamo i nostri turbamenti e, non mai senza continuare a sperare, ci sentiamo di rassicurarci a vicenda.
Proprio come il “Passeggere” e il “Venditore” raccontati dal genio di Giacomo Leopardi.
Ci facciamo domande e risposte, riempiamo le nostre agende esattamente come gli almanacchi citati nel loro intenso dialogo, continuiamo a pretendere di pianificare tempi e spazi, sentimenti ed avvenimenti ancora – in parte – a noi sconosciuti.
Per non sopravvivere come dei disillusi, specie quando oramai siamo grandi, ci adoperiamo a vivere con un buon margine di casualità e di aspettative: come se le cose possano pioverci dal cielo.
Fragilità umana, scarsa responsabilità ed altre amenità simili ci inducono a dire che la sorte, il caso, il destino, il futuro (stesso significato attribuibile a diverse parole) o un qualsiasi demiurgo siano le entità alle quali sono affidate le nostre scelte.
Perdendo per caute disattenzioni siamo soliti dire “Me ne dolgo, ma…” e, secondo me, non ce ne interessiamo a sufficienza, così è più semplice.
Azzeccando per riflessioni disattente e poco consapevoli siamo portati a sopravvalutarci, a dire “Avevo ragione, io lo sapevo…” e, a questo punto, archiviamo la faccenda senza imparare abbastanza, senza afferrarne il senso prioritario.

Il mistero resta e si riproporrà di nuovo, anche quando non sapremo più dire “Avevo ragione” – la vita è un’incognita – e la sola via percorribile è l’analisi del nostro potenziale umano.
Non basta dolersi, se non ci si sforza di stabilire una qualche comunicazione sensata, dove per sensata faccio riferimento ad ognuno dei sensi dei quali l’essere umano è dotato. Non serve a nessuno e fa male alle parti tutte.
Viaggiare negli anni perdendo aspettative è fisiologico, continuare a pianificare almanacchi inutili è fortemente stupido.
Sto per svoltare i miei 51 anni, certa che – la sola cosa di cui mi posso dire fiera – è quella di “sapere di non sapere ancora” tutto quello che vorrei, di sapere che la sola persona sulla quale dovrò / potrò contare sono io, di sapere – con certezza indubitabile – che meritavo un’opportunità.
Non pretendo di dire che, compiuti gli anni, potrò riporre le mie ferite e – piuttosto – scegliere dalla vetrina delle gioie quella più scintillante.
Vorrei solo un discreto compromesso, leale, onesto. Senza calendario perché il tempo, adesso, è soltanto una misura convenzionale per me.
Per chi stalla troppo lungamente, al contrario, è una misura precauzionale: forse si sente sotto assedio, chissà? Non azzardo, soltanto gli direi – franca e schietta – di rivedere le sue strategie perché se c’è un nemico, questo, non potrei mai essere io.
C’è differenza fra un attacco, un assedio e un’autodifesa.
L’attacco lo cerco per le poesie, l’assedio non la pratico, l’autodifesa è cosa che ho imparato mio malgrado:
– […] Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce […] – e, personalmente, di cose belle, così come ogni essere umano senziente, non vado a cercarne là dove non esistono.
Chiudo tutto, specie ciò che è già passato. Sono in viaggio, ho poche cartografie e sono viva solo oggi.

 

 

Paola Cingolani – 14/06/2019

RF9

271 (2)

 

 

 

La parola non si adegua
alla circo_stanza

rivela
divide
gente nella stanza
pagliacci al circo
mancanze presunte
presenze mancanti
assenti
_più o meno
giustificati_
ed altre imbecillità
a patto che
cavalchino l’onda
d’im_patto
d’urto
polene alla deriva
nel vuoto cosmico
del nulla di nuovo
_un niente
di fatto_
la solita storia
travestita da idea
o spacciata
per scoperta

eccezionale.

 

 

 

 

 

 

 

e52e309fa2b68447508c07ce74712c4e

Avrei potuto essere diversa da me stessa
magari così sì che mi avresti scordata
la forza di rimuovere è salvezza
e tu non vuoi cancellarmi
ché si ignorano soltanto le amarezze
_contengo moltitudini
non oscure tristezze_
è il bello dell’animo che mi definisce
di me che non sarò mai insignificante.

 

Non mi hai toccata e neanche sei in fuga
entri in un silenzio assordante
una sorta di letargo tutto tuo
è il silenzio degli insipienti
poi ritorni come l’ombra del passato
_corsi e ricorsi isterici
non certamente storici_
è la dolce eloquenza della nostalgia
di te che non mi hai mai dimenticata.

 

Ti sono grata di ogni singola piccola cosa
_che tu sia speciale l’ho sempre detto_
ti vedo oltre gli schemi dell’ordinario
sapere di abitarti un po’ di cuore
mi ripaga appieno
mi colma distanze
mi rende giustizia
e ti rende dignità
_il bene di noi esseri umani
è mutevole ma non stanziale_
se c’è non scompare
anche se non mi basta
viverti nella memoria
non mi bastava allora
né mai mi basterà.

 

 

Paola Cingolani
21/03/2019

after-the-anniversary
(Art Photography from the web)

[…] Nel 2018 di manine maligne, sediziose, furtive ne abbiamo viste parecchie, fra politiche o giornalistiche, favorite dalla memoria corta della coscienza collettiva e dalla volatilità di una certa informazione on line fulminea, alla bisogna, nel cancellare o nel correggere. L’ultima manina è di ieri. […]

(Da Repubblica – Massimo Arcangeli)

“Manina” – con chiara accezione negativa e manipolatoria – è il termine che emerge a pieno titolo dal sondaggio col quale, il noto linguista e sociologo della comunicazione, ha elencato alcune parole che, in questo 2018 appena archiviato, sono state dette e ridette.

Mettere le mani su qualcosa, o su qualcuno, pare si intenda subito in modo negativo: eppure potremmo fare un’infinità di cose meravigliose con le mani, dalle carezze agli abbracci… sperando nel tocco di mani calde (altrimenti ci potrebbe persino venire in mente un’aria de “La Boheme” di Puccini intitolata “Che gelida manina”, idea subito accompagnata da un sorriso, così com’è successo a me).

Le mani: uno degli “strumenti” più importanti del corpo umano diventano immediatamente qualcosa che contamina. Personalmente mi soffermo a riflettere su questa contaminazione e mi torna in mente un detto, una sorta di monito che i latini usavano con altro significato.
La frase è tratta dal Nuovo Testamento e appartiene a San Paolo Apostolo, si trova in un’epistola inviata a Tito.

«Omnia munda mundis; coinquinatis autem et infidelibus nihil mundum, sed inquinatae sunt eorum et mens et conscientia.»
(Nuovo Testamento – Lettera di San Paolo)

[Tutto è puro per i puri; contrariamente niente è puro per i contaminati e gli increduli, perché hanno inquinata l’intelligenza e la coscienza.]

Ecco, fondamentalmente, i puri vedono le mani che accarezzano, le coscienze inquinate e le intelligenze contaminate vedono le mani che compiono azioni malevole.

Buon anno nuovo a tutti.

 

gattotopo

 

Una precisazione è necessaria prima di cominciare a scrivere: Dostoevskij descrisse così il nucleo poetico del romanzo “L’idiota”, a cui stava lavorando, in una sua lettera.

« Da tempo mi tormentava un’idea, ma avevo paura di farne un romanzo, perché è un’idea troppo difficile e non ci sono preparato, anche se è estremamente seducente e la amo. Quest’idea è raffigurare un uomo assolutamente buono. Niente, secondo me, può essere più difficile di questo, al giorno d’oggi soprattutto. »

(Fëdor Michailovič Dostoevskij)

Santo Dosto, ora pro nobis, aveva ragione: la bontà viene spesso trattata – specie da chi non la contempla – quale forma di idiozia. Anche se idiozia non è.

Mi è capitato di argomentare sulla pagina di un tizio, apparentemente colto, ma rivelatosi a tutti gli effetti un narcisista inguaribile.
Nel suo smisurato bisogno di primeggiare, non è riuscito a tollerare la mia capacità di approfondimento: gli rubavo spazio prezioso. Così, credendo di offendermi e di riuscire a ferirmi, mi ha redarguita pubblicamente, come fanno tutti coloro che vogliono mostrarsi assolutamente più valorosi di quanto non siano, sgraziatamente e disgraziatamente, senza la minima parvenza di gentilezza.
“Se volevo leggere “I fratelli Karamazov” non avrei scritto qui” – ha postato – dopo aver tenuto una sorta di conferenza on line che, solo la metà, bastava.

Santo Dosto, ora pro nobis, ho pensato: nell’immediato, non avessi conosciuto l’autore, avrei potuto rispondere “Ha parlato “L’idiota”, complimenti”.

Il fatto è che non si disimpara mai, fortunatamente, quindi mi sono venute in mente altre opere di Dosto, m’è venuta in mente una sua foto – di bianco vestito – dove s’atteggiava (l’individuo non sa neanche mi sia arrivata quella fotografia, immagine che si è guardato bene dal pubblicare), mi è venuto in mente che tutto potrebbe essere tranne che “buono e giusto”.
Allora, sempre facendo riferimento a Dosto, gli ho risposto fra me e me (che è cosa più signorile): “L’idiota non sei tu, per ovvie ragioni e – anche se lo nascondi ai fratelli Karamazov – sei dedito alle notti bianche, da solo coi tuoi demoni: più che al delitto mi somigli al castigo.”
Ho sorriso.
Ho riflettuto sulle persone che mi vogliono bene davvero.
Gli ho scritto in privato – sintetizzando un paio di motivazioni sensate – che non m’arriva.
Non solo d’altezza: proprio non m’arriva di livello spirituale, ragion per cui neanche mi dispiace l’averci speso tempo.

« Conoscerai un grande dolore e nel dolore sarai felice. Eccoti il mio insegnamentonel dolore cerca la felicità. »

(Fëdor Michailovič Dostoevskij)

Probabilmente questa è la frase più significativa dell’opera “I fratelli Karamazov” e, esattamente a questo inciso, ho fatto riferimento: sapevo che mi stavo per scontrare con una perdita incolmabile, l’ennesima in un anno nefasto. Nel mio dolore c’è dignità, c’è la gioia immensa per aver ricevuto un’infinità di amore e di rispetto.
Tutto ciò trascende persino la delusione ed è completamente avulso dalle persone che non ne sono all’altezza.

Non so chi sia il gatto e chi sia il topo. Quanto so di me stessa è che non mostro mai completamente ciò che riesco a capire. Almeno non subito, a nessuno. Ci sono cose – la buona fede e l’intelligenza, per citarne un paio – che non si svelano se non col tempo e attraverso le occasioni: sono immateriali e non sempre possono diventare tangibili.
Non per tutti.

Chissà quanti sapranno che i demoni di Dosto non erano diavoli? Me lo domando spesso: persino la critica ci è quasi sempre cascata.

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: