Va tutto bene, anzi benissimo: il mio saluto a voi

Alcuni blocchi emotivi impediscono il doveroso manifestarsi di ogni emozione e, conseguentemente, il corretto fluire di qualsiasi comunicazione. Ci si estranea – pur vivendo fra la gente – e non si riconoscono più le regole del rispetto come comuni. Tutto viene declinato egoisticamente, viene meno il confronto con l’altro, svanisce l’incontro, non c’è più sintesiContinua a leggere “Va tutto bene, anzi benissimo: il mio saluto a voi”

Confrontarsi è un’arte nobile

Alita Art Photography – Red shoes “I lupi sani e le donne sane hanno in comune talune caratteristiche psichiche: sensibilità acuta, spirito giocoso, e grande devozione. Lupi e donne sono affini per natura, sono curiosi di sapere e possiedono grande forza e resistenza. Sono profondamente intuitivi e si occupano intensamente dei loro piccoli, del compagno,Continua a leggere “Confrontarsi è un’arte nobile”

Settembre e i suoi regali

(Lo so che non sai che io so) – Sottotitolo. L’ignoranza è sempre colpevole. Una delle sue colpe primarie – per dire – è l’arroganza nel parlare a sproposito. A fare il paio col non sapere, c’è la tanto invocata buona fede, sua degna compare: non vi saprei dire quale delle due sia più dannosa.Continua a leggere “Settembre e i suoi regali”

Prima che sia tardi

[…] semmai ti andasse un sogno di traverso ti porterò un amore surrogato e un po’ ma solo un po’ di tenerezza un’ansia moderata che insegni l’arte del dimenticare prima che sia la fine dagli anni delle tavole da surf ai luoghi di penombra in sabbie immobili […] Cristina Bove siccome mi è andata diContinua a leggere “Prima che sia tardi”

Il remake di Nola

Nola di Banksy, anche conosciuta come Umbrella Girl o Rain Girl, ci presenta una giovane ragazza di New Orleans con in mano un ombrello. Ciò che sorprende in questo graffito è che non sta piovendo fuori, ma la pioggia viene dall’ombrello stesso e si riversa sulla ragazza. L’espressione e la postura suggeriscono perplessità mentre lei allungaContinua a leggere “Il remake di Nola”

Più coraggio e basta – auguri a chi c’è –

Un po’ parto dallo scorso anno ma un altro gran passo l’ho fatto durante e lo aggiungo. Si trova fra parentesi e non soltanto, sono oltre i cinquantuno: ma pensate un po’. Sono arrivata sin qui da sola: non si avvicini nessuno a dettare nuove regole, è cosa che non m’aggrada e – alla miaContinua a leggere “Più coraggio e basta – auguri a chi c’è –”

Essere e non essere – Racconto breve –

“S’è perso il significato dell’essere umano.” La sua riflessione continua a condurla solo a questo pensiero. Nonostante abbia tentato in ogni modo di vederla diversamente, con tutto il carico di amarezza che ne può derivare, lei è giunta a questa conclusione. Purtroppo si sono persi gli uomini: credono che la grandezza sia esclusivamente riferibile adContinua a leggere “Essere e non essere – Racconto breve –”

Sono in viaggio, viva solo oggi

“Passeggere: Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero? Venditore: Speriamo.” _ GiacomoContinua a leggere “Sono in viaggio, viva solo oggi”

La parola rivela

      La parola non si adegua alla circo_stanza rivela divide gente nella stanza pagliacci al circo mancanze presunte presenze mancanti assenti _più o meno giustificati_ ed altre imbecillità a patto che cavalchino l’onda d’im_patto d’urto polene alla deriva nel vuoto cosmico del nulla di nuovo _un niente di fatto_ la solita storia travestitaContinua a leggere “La parola rivela”

Ciao “tu”

(Foto – Dicembre 2005) Ciao “tu” _ieri ti ho vista un’altra volta_ perché non ci sei più e ti ho voluta scordare. Dovevo dimenticarti mia cara “tu” ho dovuto farlo _posso dirti solo d’esserci riuscita_ e anche altri avrebbero dovuto. Non ce l’hanno fatta bella la mia “tu” _con le traveggole ti vedono ancora_ eppureContinua a leggere “Ciao “tu””