Dissero di Penelope – di Paola Cingolani – in “Momenti di poesia”

Originally posted on Alessandria today @ Social Media Manager. Pier Carlo Lava:
Discutiamone insieme _ dissero a Penelope mentre tesseva tele _ a maglia molto lasca intessute d’uno strano ordito reti come tele di ragno reti non a coercizione reti che lei guastava. Dissero di Penelope _ non affermazioni ma dei superbi proseliti _ millantati scenari apocalittici…

Pubblicità

Lasciare un segno

[…] È folle e usata, l’anima. Dio guarda la nostra debolezza. Vorremmo una certezza. Di noi nemmeno più ridi? E compiangici dunque, crudeltà. Non ne posso più di stare murato Nel desiderio senza amore. Una traccia mostraci di giustizia. La tua legge qual è? Fulmina le mie povere emozioni, liberami dall’inquietudine. Sono stanco di urlareContinua a leggere “Lasciare un segno”

La dogana delle anime perse

Ho ancora attraversato la dogana delle anime perse a furia di guardarmi dentro _scrutando la mia mente ho acquisito la sensazione_ ogni volta è sempre peggio mi piove piombo addosso e a morire non sono io. Smettendo di respirare passo senza vidimare e senza controlli rientro a capire com’è che viaggio ho impiegato una vitaContinua a leggere “La dogana delle anime perse”

Esisti, sei, credo in te: mi basta?

(Ascolto il tuo silenzio. Odo costellazioni: esisti. Credo in te. Sei. Mi basta.) Ángel González Muñiz Questa è la splendida chiusa della poesia “Mi basta così”. Vorrei potertelo dire – sì, mi basta così – ma non sarebbe vero. Vorrei trovarti ancora – com’è successo già – per ricominciare tutto. Vorrei vederti di nuovo –Continua a leggere “Esisti, sei, credo in te: mi basta?”

Con la dimenticanza

Sì, certo probabilmente se non ci fossimo trovati è vero che non ci sarebbe stata sorpresa. Sì, certo probabilmente se non ci fossimo trovati è vero che non ci sarebbe stata discussione. Sì, certo probabilmente se non ci fossimo trovati è vero che non ci sarebbe stata tanta rabbia. Sì, certo probabilmente è tutto veroContinua a leggere “Con la dimenticanza”