Mut(u)a_bile

Avevo concluso così: […] Rispettarsi è non sprecare nulla di quello che si è detto essere stato gradito. Bisogna che le parole completino i gesti affinchè tutto non perda il suo senso. Ammesso che abbia avuto un senso, cosa a cui io non so rispondere. Per questo m’aggrappo al mio filo rosso e pratico ilContinua a leggere “Mut(u)a_bile”

MateriAnima

Ci sono rare cose che si misurano diversamente: c’è un’altra grandezza potrei dirla ‘materianima’ – strano lemma, solo mio –  lo cito per chi spazia da dimensioni note, comuni fino all’essere profondo. *** Tu, pezzo di cuore, ci sei dentro tutta con le altre poche unicità che l’universo mondo generoso casualmente m’ha dato per regalo.Continua a leggere “MateriAnima”

Avrei voluto scriverti

Avrei voluto scriverti ma non l’ho mai fatto. Ti avrei spiegato che ogni volta in cui lo vuoi puoi tornare indietro se dipende da te. Puoi sperimentare – occasioni – cambiamenti – svolte – novità dimensioni spaziotemporali da misurare con l’anima. Volevo dirti pure di un abbraccio – il mio che ancora ti aspetta –Continua a leggere “Avrei voluto scriverti”

La sirena ferita

LA SIRENA FERITA T’ha pretesa, come una cosa. Una cosa che il denaro non ha pagato. T’ha posseduta, come un’amante. Un’amante che non ha mai fatto l’amore. T’ha costruita, come un baluardo. Una estrema difesa che l’ha pure coperto. Intanto la tua vita è trascorsa: e tu – Penelope di quest’epoca neoantica – tessevi telaContinua a leggere “La sirena ferita”

I primi soffi di maestrale

Il maestrale sibila gonfiando la schiuma delle onde. Vecchie nasse strappate sbattono sulla battigia intanto la capitana cammina fischiando in faccia al vento. *** Strani tonfi e suoni buffi come sugheri nell’acqua provocano quello sciabordio. A tratti s’odono appena a tratti stridono forte in un crescendo rossiniano. *** La capitana continua si porta le maniContinua a leggere “I primi soffi di maestrale”

Ottobre ti porta un segreto

  Un turbinio di emozioni dentro di te _e fuori tutto sembra restare fermo_ solo il fumo si innalza in spirali lente   sapore misto al desiderio di una bocca _questo tempo porta a sé un risveglio_ quasi un vizioso disvelamento di orme   l’anima rivendica l’assenza di poesia _la tua mente cammina a passi lunghi_Continua a leggere “Ottobre ti porta un segreto”