La sincronicità del tempo

Sistematica demolizione della “storia” da parte del poeta, condotta attraverso due principali figure retoriche, la litote e l’anafora. Poichè essa non è magistra, non serve a cambiare le cose, non è intrinseca, è fuori dal presente e – capirlo – non (ci) cambia alcun trascorso. La consolazione del poeta è quella d’aver sgretolato un vecchio,Continua a leggere “La sincronicità del tempo”

Veramente è un problema mio?

Incontro gente troppo sicura di sè – tanto che, quasi, neanche ci credo – e m’accorgo di come siano persone stranite, inaridite dalla vita quando cercano di fermarmi dicendo “Non mi riguarda, è un tuo problema”. “Veramente è un problema mio?” – almeno mi pongo la domanda e cerco di mettermi in discussione. Almeno tentoContinua a leggere “Veramente è un problema mio?”

La sirena ferita

LA SIRENA FERITA T’ha pretesa, come una cosa. Una cosa che il denaro non ha pagato. T’ha posseduta, come un’amante. Un’amante che non ha mai fatto l’amore. T’ha costruita, come un baluardo. Una estrema difesa che l’ha pure coperto. Intanto la tua vita è trascorsa: e tu – Penelope di quest’epoca neoantica – tessevi telaContinua a leggere “La sirena ferita”

Un professionista del “non detto”

C’è tanta solitudine in questo mondo: dilaga fra la gente, serpeggia fra le persone rovinando qualsiasi comunicazione. Come quando qualche sconosciuto e mortifero virus contamina qualcuno, ci si ammala e – all’improvviso – anche le parole diventano veicoli d’un male dal quale non si può guarire più. Pur nuocendo per primi a noi stessi, feriamoContinua a leggere “Un professionista del “non detto””

Quelli senza

“Ci sono amori che devono superare ostacoli, difficoltà, avversari, enigmi.” Haruki Murakami Sono gli amori dove – solitamente – è tutto inutile, tutto. Perchè stancano tutte queste energie spese per il nulla. Sono quelle situazioni dove non fai che dire sì, solo perchè non sai e non vuoi discutere, finchè dirai no, scusami, non ci sonoContinua a leggere “Quelli senza”