“Smettila di pensarmi come fossi eccezionale”

Courtesy Alita Art – Rita Santanatoglia Photography “Io sono verticale Ma preferirei essere orizzontale non sono albero con radici nella terra a succhiare minerali e amore di madre così da luccicare di foglie ad ogni marzo né sono bella come un angolo di giardino che desta meraviglia per splendore di colori senza sapere che prestoContinua a leggere ““Smettila di pensarmi come fossi eccezionale””

“Una parola che ci possa salvare, come – ad esempio – improvvisare”

Courtesy by Lorenzo Cicconi Massi – Photo from “Le donne volanti” “Anche oggi cercheremo una breccia.Una parola che ci possa salvaree che ci tenga in bilicosul confine ideale tra realtàe fantasia potrà, anchese per poco, cangiare l’esistenza.” Eugenio Montale Ho finalmente dormito e, confesso, risveglio più bello non me lo sarei aspettato. Un flash coiContinua a leggere ““Una parola che ci possa salvare, come – ad esempio – improvvisare””

“Lascia che sia, una risposta ci sarà”

Sabato, avrei voluto dormire, eppure Leone mi ha svegliata. Sono qui e mi dico “Lascia che sia, una risposta ci sarà.” perché dev’esserci – anzi – c’è. Inutile fingere di non conoscerla: mi sono rivoltata come un calzino per capire. Non c’è nulla che io non abbia capito più di te, caro mio. Con me,Continua a leggere ““Lascia che sia, una risposta ci sarà””

“Ce la facciamo, siamo io e me”

Courtesy by Paola Tornambè Photo Artist – “Noi” – Dalla serie “Parti di invisibile” C’è una parte di me che sbuffa e dice d’essersi stancata, ma è poca cosa, mi prendo anche gioco di lei, mi fa sorridere quando le viene da dire così, non è credibile. Affatto. Poi c’è l’altra che rimette in ordineContinua a leggere ““Ce la facciamo, siamo io e me””

“Me lo sono chiesta tante volte e mi sono risposta sempre sì”

“Si capirebbero meglio uomini e donne se gli uomini leggessero tanto come le donne? Se loro sapessero di più della nostra vita, di come pensiamo, sentiamo, se leggessero Sylvia Plath, Virginia Woolf, Carson McCullers, jane Bowles, Annemarie Schwarzenbach o Dorothy Parker, come noi leggiamo Hemingway, Faulkner, Updike, Roth, Flaubert e Balzac?” Da Le donne cheContinua a leggere ““Me lo sono chiesta tante volte e mi sono risposta sempre sì””

“Se vuoi evolvere devi stare sveglia”

Saul Leiter Photo – On the passenger times Mi hanno chiesto milioni di volte quale fosse il mio sogno nel cassetto: una metafora buffa, irreale, proprio come quella dello scheletro nell’armadio. Nei miei _ tanti _ cassetti c’è della biancheria, dell’abbigliamento, ma nessun sogno e vale la stessa regola per il mio guardaroba. Non conservoContinua a leggere ““Se vuoi evolvere devi stare sveglia””

STAI COMBATTENDO ANCHE TU

Stai combattendo anche tu che vorresti una collisione quel buco nero come oblio anche fosse solo per poco giusto per riprendere fiato intanto dicono _ sì dicono _ che devi volerti bene che devi farti bella che devi truccarti che devi ridere che devi fare come se non lo facessi già tu sorridi da solaContinua a leggere “STAI COMBATTENDO ANCHE TU”

Ho fede nelle coincidenze

Ho grande fede nelle coincidenze _ se il pensiero è vivace svelanoinutile nascondersi dietro al caso _ sono segmenti di verità omessi riposti fra le possibilità e le realtà più scomode ai mentitori seriali non piacciono loro vorrebbero pianificare tutto così da pilotare ogni evento vitale per non trovarsi smascherati poi quando _ causa combinazioneContinua a leggere “Ho fede nelle coincidenze”

“La prima fra le cose che cambieranno”

Prima o poi _ e mi auguro più prima che poi _ la percezione che abbiamo delle cose cambierà. Gli spauracchi vari non saranno più pericolosi _ li distingueremo dal terrore vero _ avremo imparato a non farci schiacciare dalle farse. Non ci sottometteremo con troppa facilità. Quando tutto finirà _ e dovrà pur finireContinua a leggere ““La prima fra le cose che cambieranno””

A Giulia, festa della mamma

Lascio un messaggio per mia figlia, perché senza di lei non sarei madre, con tutti i difetti e i pregi che mi caratterizzano. Ci tengo particolarmente, tanto che ho rischiato di non poterlo scrivere affatto ma, adesso, le mie parole sono qui, in risposta al suo video-post. Il vero segreto è cambiare punto di vista.Io,Continua a leggere “A Giulia, festa della mamma”