Quando la poesia ha una dimensione umana: Franco Arminio / Opera di Paola Tornambè

FOTO I Thanks to Paola Tornambè Art – OTTO Gallery


La prima cosa è ringiovanire.
Non è detto che a sessant’anni
sei più vecchio che a trenta.
L’usura del corpo è poca cosa
rispetto all’usura dell’anima.
Non ti salvi con le tisane,
non ti salvi evitando la carne,
non ti salvi facendo ginnastica:
quello che ti serve è fiorire
come fa una rosa,
come fa un geranio.

Franco Arminio – Porsi in ascolto


E chi dice che oramai, la gente più grande non possa rinascere, chi l’ha stabilito, dov’è che è scritto, è forse anticostituzionale rifiorire con lo spirito e con l’animo?

La tisana, impoltronati, senza interessi, senza speranze, e dovremmo fare palestra, e le vitamine, e lo stress, e le delusioni?

E allora? Sì, allora?

E se chiamo magari scoccio, e non mi piace il rifiuto, e sarebbe un’onta da evitare, e posso cavarmela senza, e ci mancherebbe.
Eh, infatti ci manca proprio quella capacità di fare come chi decide per poi agire – alla faccia di ogni convenzione – rischiando di essere anche gratificato, dunque più contento.

E la carne? Mica parlo dell’arrosto, né della tagliata o della fiorentina – certo che non evito perché sono vegana – ma perché vivo in un mondo bigotto rimasto ancora all’epoca dei dinosauri.
Mi devo spiegare meglio? La faccio semplice.


a) I dinosauri non si sono mai estinti ma hanno solo cambiato la loro fisicità, un adattamento darwiniano, insomma. Ci sono e sono fra noi.
b) Il dinosauro femmina, spesse volte, contaminato dalle favole anti educative, crede che basti baciare appassionatamente un rospo per tramutarlo in principe. E niente, resta rospo, peggio, resta soltanto un cucciolo di dinosauro.


Oggi, ad infiocchettare il pacco regalo, c’è l’astio che questa pandemia ha disseminato ovunque.
Morti, inebetiti, impoveriti, il guaio è socio – geo – politico e le persone sono manipolate da un CTS composto da nessun medico dove non è contemplato neanche un esperto di psicologia delle masse.
Geniale, no? Non esistono vaccini per i problemi endemici ma siamo come sedati da tante
limitazioni: come non fossero sufficienti – anzi d’avanzo – quelle che noi stessi stavamo infliggendoci prima.


Che cosa resta se non rifiorire e sbocciare a vita nuova, fino a quando ci sarà concessa?

Che altro deve accadere affinché i dinosauri si estinguano e si trasformino in anime dal profumo fiorito e inebriante, anche solo per pietas, come fece Enea?





Paola Cingolani
28/03/2021
@lementelettriche





Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: