“Il lettore delle vacanze visto da Italo Calvino”

“I giorni di vacanza cominciano a trascorrere veloci. Il Buon Lettore si trova in ottima forma per fare dello sport, e accumula energie per trovarsi nella situazione fisica ideale per leggere. Dopo pranzo però lo prende una sonnolenza tale, che dorme per tutto il pomeriggio. Bisogna reagire, e a questo proposito giova la compagnia, che quest’anno è insolitamente simpatica. Il Buon Lettore fa molte amicizie ed è mattina e pomeriggio in barca, in gita e la sera a far baldoria fino a tardi. Certo, per leggere ci vuole solitudine; il Buon Lettore medita un piano per sganciarsi. Coltivare la sua inclinazione per una ragazza bionda, può essere la via migliore. Ma con la ragazza bionda si passa la mattina a giocare a tennis, il pomeriggio a canasta e la sera a ballare. Nei momenti di riposo, lei non sta mai zitta. Le ferie sono finite. Il Buon Lettore ripone i libri intonsi nelle valige, pensa all’autunno, all’inverno, ai rapidi, concentrati quarti d’ora concessi alla lettura prima di addormentarsi, prima di correre in ufficio, in tram, nella sala d’aspetto del dentista.”

Italo Calvino – Il buon lettore – Mondo scritto e mondo non scritto


Una delle cose che non mi spiego è la teoria secondo la quale, in vacanza, si possa leggere di più e in pace. Fortunatamente incrocio Calvino – non uno a caso – a conforto della mia tesi.

Sei una persona che legge? Ottimo, ma non mi dire che aspetti l’inverno o l’estate. I libri non tengono né fresco, né caldo. Anzi, se io sto leggendo qualcosa che mi piace, resto sdraiata e non mi interessa di controllare l’abbronzatura.
Non guardo l’orologio, mai, fregandomene completamente di andare a cena o di altre cose che mi costringerebbero ad abbandonare la storia sul più bello.

Parto con un borsone per il mare simile a quello di Mary Poppins: c’è di tutto. Qualche libro, teli spugna, pinze per capelli, matite, acqua fresca, olio solare, spiccioli, cellulare, cappelli, occhiali da sole, lenti da lettura e forse – se cerco bene – qualche coniglietto bianco che mi sbuca dal cappello. Come per magia. Credo sia la sola spiegazione plausibile, poiché vivo a cento metri dalla spiaggia ma, per fare quel tragitto, sento di essermi trascinata dietro metà della casa.

Arrivo sfiancata e mi apparecchio la brandina: mi posiziono e sono più stanca di Ercole che ha moltiplicato le sue sette fatiche per tutta l’intera tabellina. Caffè, subito, mentre vedo attorno a me la gente bella fresca, sdraiata, riposata, rilassata, con un paio di libri al massimo e una capacità di restare immobile da Guinness dei primati.

Non nuotano, non parlano, non salutano, non bevono: ma come fanno? Allora mi convinco che stanno leggendo solo in quell’occasione, tanto per non scocciarsi. Sì, non può essere altrimenti, perché io vado circolando comunque col libro nella borsetta: dal dentista, dal parrucchiere, al bar, ovunque eppure ho pile e pile di letture nuove, intonse, senza riuscire neanche a gustarle come vorrei.

Certo, se mi salutano rispondo, se un’amica mi propone di andare a cena con lei apprezzo, socializzo, mi organizzo, interloquisco. Che sia anche un alibi, quello di aprire un libro o un giornale, quando manca la comunicazione e i rapporti umani diventano carenti?
La lettura è una cosa bellissima, ma richiede anche solitudine prima di poter essere condivisa. No, non esiste un Buon Lettore “delle vacanze” – concordo – o si è buoni lettori sempre, o non lo si è, specie in vacanza.


Paola Cingolani
17/03/2021
@lementelettriche





Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: