La comunicazione e i messaggi social

[…] Quando pubblichi qualcosa in Rete lo fai – spesso inconsapevolmente – per due motivi: per piacere al maggior numero di persone, oppure per trovare le persone che piacciono a te. Io sono sempre stata spinta dalla seconda motivazione, anche se me ne sono resa conto molto, molto dopo: quello che scrivo è un’esca per qualcuno che mi assomiglia e che in altri modi non saprei come trovare.
Funziona? Funziona. […]

Così scriveva la De Baggis nel 2011 e io ne apprezzo da sempre la perspicacia.

“We are social” è il nocciolo della questione. Il posto della rete più adatto per cercare similitudini è certamente il social. Basta vedere come, oggi, persino i programmi TV abbiano il loro spazio su Facebook o su Twitter, i giornali, le case editrici, i media, le varie App… tutti ruotano attorno al social. Si servono del social.
Persino le nuove piattaforme vengono costruite a immagine e somiglianza dei social più in voga. I blog, ad esempio, anche loro hanno tutti varie opzioni per postare e interagire con i social.

La ricerca di chi comunica un messaggio – quale che sia – è diretta verso chi lo può raccogliere in modo espresso grazie al social – attraverso il social – è giusto dire.

Personalmente ritengo che l’e-book non possa sostituire la carta stampata: non per chi ama leggere. Tuttavia l’e-reader può scegliere fra una quantità infinita di messaggi e trovare ciò che preferisce per poi approfondirlo con la carta stampata.
Insomma bisogna essere bravi a captare il messaggio con una sorta di e-radar: prima arriva l’eco del social con la sua velocità e dopo – solo dopo – viene la carta stampata (più o meno patinata).
Le tempistiche non consentono di cogliere quasi nulla: è necessario strutturare delle pagine social che trattengano i contenuti, altrimenti destinati al dimenticatoio.

Anche i blog arrivano dopo oramai, sono solo l’approfondimento di un messaggio rapido, flash, dato dal social. Sul social – dalle pagine, non dai profili – si captano i messaggi e sui blog, sui libri o sulle riviste tematiche si approda solo in seguito, per approfondire.

Il solo problema della rete social è che vi si incontra di tutto.
Anche la peggiore maleducazione, anche le peggiori idiozie, anche le fake news: sta a noi discernere, ovviamente.

Viviamo la società dell’espresso, il business si sviluppa alla velocità del pensiero (Bill Gates – circa vent’anni fa), figurarsi se non è oramai ovvio il “We are social”.

Un profilo o una pagina su di un social permettono ventagli di opportunità, inclusa la peggiore, quella di dimenticare l’etica, la morale e così pure le regole – per alcuni – poiché gli account sono specchi e riflettono varie identità grazie al linguaggio, alle immagini e alle maniere scelte.

Per dire, una cosa che non amo è il tam tam di meme, di alcune immagini e di frasi fatte: trovo rappresentino la fiera delle banalità che svela come non si posseggano argomentazioni né idee; quando non ci sono idee – si sa – il pensiero muore e noi con esso.

Sarà che nasco blogger e – con molta probabilità – morirò blogger, almeno in cuor mio.
C’è grande differenza fra un account pieno di filtri, di scopiazzature e uno denso di parole corrette, ad esempio.

Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

3 pensieri riguardo “La comunicazione e i messaggi social

  1. Articolo interessante!Io per esempio su Twitter non tollero le persone maleducate,quelle che usano parole offensive ,ma soprattutto tutti coloro che scrivono sciocchezze vere e proprie ,ma stranamente vengono premiate con centinaia di “mi piace”,O sono tutti ignoranti oppure appartengono alla stessa famiglia di “ASINI”….

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: