La vita e un buon modo per leggerla

Col tempo e con la coscienza a posto è inevitabile prendersi un meritato riscatto sulla vita rispetto a delle esperienze non del tutto positive. Basta incassare con eleganza ed intelligenza, prendere distanza di sicurezza e continuare il proprio cammino.

Dalla vita ho avuto tanto. Tanto bene e tanto male, come tutti: mai mi sono sentita la vittima del mondo e mai mi sono comportata come tale. Sono stata anche molto rispettata ed amata, questo è il vero fattore importante.

Ho sbagliato e ho indovinato nel fare scelte che – giustamente – ho pagato io più di altri.

Non ho mai avuto cattiva fede e di questo vado molto fiera.

Oggi la vita sembra dirmi “Paola, tu non sei stata stupida. Sei solo onesta e decisa, esattamente come è successo in replica a chi è come te. Stesso copione, stesso identico inganno.”

 

Alle persone schiette succede inevitabilmente di imbattersi in chi è un tot più confuso.

Solo non bisogna mollare né sentirsi perdenti: col tempo anche il migliore degli inganni vede un’inesorabile fine.

 

Ed è a questo punto che la vita ci rende, con gli interessi, tutto l’amore che sembrava averci sottratto prima. Sono convinta che ciò rappresenti una bella indicazione anche per gli altri, non solo per me stessa.
Chi vuole ci rifletta e non mettetevi mai in galera da soli: sciogliete le catene, oltrepassate i vostri limiti – costi quello che costi – fatelo e sarete più leggeri.

Mai sia che – un giorno – dobbiate dirvi “Ne sono pienamente responsabile, avrei dovuto comprendere, avrei dovuto concedere il necessario spazio a me e agli altri.”

O, peggio ancora, mai sia che vi si accenda la lampadina dell’avrei dovuto dire le cose assai più chiaramente perchè lo sapevo.

 

Leggetevi “The last lecture” di Randy Pausch.

Oltre a sottolineare l’importanza della vita c’è la chiave di volta esatta per comprendere se e quanto è onesto il vostro interlocutore.

 

Quando sbagli chiedi scusa!
Una buona scusa è formata da tre parti:
“Mi dispiace”; “Era colpa mia”, “Cosa posso fare per rimediare”?
La maggior parte della gente salta la terza parte; è da questo che puoi capire chi è sincero.

 

Ecco che – se non cambia nulla – se l’interlocutore non vuole rimediare ma replica l’errore, la scusa è disonesta e s’invalida da sola.

(Che poi accada a causa d’un suo male compulsivo o per altre ragioni, dato di fatto oggettivo, accade: il vostro guaio è d’esservi interfacciati con quella persona. Il resto è riempimento inutile.)

 

 

Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

2 pensieri riguardo “La vita e un buon modo per leggerla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: