Mut(u)a_bile

Avevo concluso così:
[…] Rispettarsi è non sprecare nulla di quello che si è detto essere stato gradito.
Bisogna che le parole completino i gesti affinchè tutto non perda il suo senso.
Ammesso che abbia avuto un senso, cosa a cui io non so rispondere.
Per questo m’aggrappo al mio filo rosso e pratico il mio personale “nankurunaisa”.

I saggi dicono di aspettare ma io – in tutta sincerità – sono consapevole d’averlo già fatto sin troppo. […]

 

 

 

Una tristezza devastante
neanche la prescrivesse il medico
o la passasse la mutua per cura
non è mut(u)a_bile ma sordomuta
_fa il paio con l’amarezza_
chè ci si stanca d’attendere
senza realizzare mai
e ci si sente feriti
per essere stati accomodanti
senza aver espresso
senza aver potuto
almeno avvicinare
un desiderio soltanto.

Uno _che è uno solo_
non l’hai neppure sfiorato
e mentre altri ottengono
la tua bile dilaga
il tuo intelletto s’offende
tu ti imputi ogni cosa
ti chiedi dov’è l’errore
in cos’è che hai fallito
per dove e per come
ma trovi sia ingiusto
profondamente _basta_
lasciati stare
riprendi ad amarti.

10402460_592795770857821_5159373160708740985_n

Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: