Salta la navigazione

D’orizzonti viola

e lontananze

è fatta la mia vita

_ distanze siderali

e parole

e silenzi

a scavare solchi

nei miei giorni

_ scoglio bagnato

e immobile

e immoto

eroso

come accade

solo a certe

grosse pietre

_ rocce esplose

d’un botto

frammentate

[ma mai uno spillo bucherà la sabbia]

è che tu

uscendo dagli abissi

dovresti starci

con me

qui

sullo scoglio

 

sarebbe tempo

molto ben speso sai

  • e anche per te

dalle barchette

chiglie sul mare

  • ondeggiano

se mi cerchi

tana libera tutti

  • sono nel vento

sarai stanco

così adesso basta

  • abbracciami

paolaunquarto

Paola Cingolani

16/11/2016

4 Comments

  1. sai rapire le parole, e con un turbinio di emozioni sciogli il cuore che tempesta le sue voci…

    Piace a 1 persona

  2. Mi sono sempre illusa di aver avuto le mani vuote da una vita.
    In realtà me le sono tenute libere per il momento in cui avrei imbracciato arco e frecce e colpito a morte Morfeo.
    Non si può dormire per tutto questo tempo. Bisogna tenere gli occhi aperti a far entrare tutto il mare che ci sta. Bisogna farsi spazio…
    Questa poesia è musicale, sapientemente irragionata, come si fa prendendo il respiro. Leggerla è come ascoltare e venire colpiti dai propri pensieri, proprio come se fossero rivelazioni di un sapere sorto ad est, mentre il nostro sguardo era rivolto ad ovest.
    Molto bella! Complimenti!

    Piace a 1 persona

  3. Ora – leggendovi tutti – sono assolutamente emozionata ma, è doveroso, cerco di dirvi grazie. V’abbraccerei, forte, chè le parole scappano via e si portano con loro il sentire. Diventano dei fagotti da scartare e in queste situazioni è perfettamente inutile insistere cercando di sciorinarle. Là dove c’è un gomitolo di sensazioni che hanno intessuto una trama strettissima è difficile infilare un ago [si dev’essere ricamatori esperti] ma si può. Resta impossibile pungere la sabbia, un granello non si sgonfia. Più facile è bucare un palloncino ad elio [troppe volte si incappa in palloncini ad ego]. Voi siete ricamatori esperti, le vostre lodi mi valgono – per quella che è la stima riposta in voi – più d’ogni premio. Oltre le metafore, stilisticamente, m’è venuta l’idea di chiudere con alcuni haiku, quindi ho sfiorato anche la metrica. Io avrò azzardato ma di sicuro è stato un azzardo vincente grazie a voi: oltre la bravura – dalla vostra – avete la sincerità. Certo non ho ricevuto elogi vani nè piaggeria.

    "Mi piace"


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: