a metà fra sogni e bisogni

Credo che la vita sia esattamente a metà fra sogni e bisogni.
Senza qualcosa da raggiungere e da realizzare è impossibile starci ma – per muoverci – dobbiamo sentire degli stimoli precisi.
Ho sempre ambito, sin da piccola, a riempire qualcosa: riempivo bottiglie vuote d’acqua, riempivo formine di sabbia, riempivo secchielli di sassolini… ho sempre voluto sapere.
Mi affascinava l’idea di riuscire – prima o poi – a riempire anche il mare. Non mi potevo capacitare del fatto che fosse infinita vastità. Ero certa che, insistendo, giorno dopo giorno l’avrei spuntata.
E’ mai possibile che esista un’immensità tale? – mi dicevo.
E’ possibile, mi rispondo. Non siamo che piccole particelle dell’universo.
D’un tratto mi raggela il silenzio.
Avanti al cosmo prima annichilisco, poi reagisco.
E ricolmo il mio vuoto di parole insensate, ma è una specie di voragine perché – alla fine – non si riempie mai. Come se volessi inutilmente riempire il mare. Oggi come quando ero bambina.
Non ci sono parole – ad un certo punto – perché si è esattamente a metà fra sogni e bisogni.

Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

Una opinione su "a metà fra sogni e bisogni"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...