Rapporti rovinosamente trascinati ed interrotti

Ci sono quei rapporti – pensa – che improvvisamente si interrompono.
Ne è convinta facendo mente locale sulla sua esperienza: anche oggi la solita telefonata dell’ex che si arrabbia perché lei gli chiede di non chiamarla più.
Oppure, si dice, il caso opposto: quello in cui un amico ha ricevuto trattamento di favore da lei ma la considera un numero da non contemplare nella rubrica telefonica.
Insomma persone che con atteggiamento puerile si ricordano di lei solo nel momento in cui conviene e recitano la parte del ‘perfetto galantuomo’ ad intermittenza: quando risulta loro più comodo.
Contaminati dai virus dell’incoscienza e dell’incoerenza, loro.
Sempre più salda nella sua presa di posizione per la quale serve coraggio e determinazione, lei.
Sorride lei, l’immancabile tazzina di caffè sulla scrivania, il lavoro fatto, le promesse tutte mantenute.
E’ fiera del coraggio che comunque costa caro.
Ultimamente ha rimproverato una delle persone che più ama al mondo e non intende perdonare.
Gli ha detto “Vattene a quel paese e non parlarmi mai più, non voglio sapere più niente: tu sei morto adesso per me.”
Lui ha pianto farfugliando “Io non l’ho detto con cattiveria…” ma lei non si è permessa l’ipocrisia di fingere e di perdonare. Il perdono è un patteggiamento più utile a chi perdona per non avere problemi né rimorsi e ( in modo compulsivo ) anche per sentirsi grande.
Ci vuole più forza e più coraggio nell’ammettere la realtà e la realtà è un grido di dolore.
La realtà urla e singhiozza: “Io avevo solo te! Come hai potuto colpevolizzarmi perché sono finita in ospedale, come? Io ti amavo – per Dio – e sono umana, non puoi chiedermi quel che chiederesti al Padreterno!”
Per molto meno lei non gli parlò circa un anno e adesso che sta andando a combattere un cancro al cervello, lui, bel bello si permette il lusso di accusare lei?
Non va bene così, non è così che deve comportarsi un uomo ragionevole ma piuttosto dovrebbe tenersi vicino quella nipote che ama infinitamente senza mortificarla.
Potrebbe benissimo chiederle scusa, ad esempio, chè lei ha rivoluzionato l’intero reparto pur di fargli avere le migliori attenzioni, non merita questo.
Figuriamoci la banalità di chi telefona cercando di riallacciare un rapporto che lei ha chiuso da anni
o la pochezza di chi candidamente afferma “Il mio telefono riceve solo dalla lista preferiti.”
– “Ottimo: non sono che fra i contatti di serie B e ne prendo atto ma ora mi si lasci nel mio.
Guardate la mia schiena finchè riuscite da lontano perché – a guardarmi in faccia – rischiate l’effetto lama tibetano.” –

Le comunicazioni sono interrotte, il filo è stato troncato e la mentelettrica saluta cordialmente auspicando per voi, per il vostro bene, il giusto elettroshock.

Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: