La rabbia e l’impotenza

Spegne la sigaretta e pensa che se le facessero adesso un elettroencefalogramma sarebbe capace di fulminare gli elettrodi tanto è arrabbiata. Deve sfogarsi ma non può strillare nè vuole ammettere che, probabilmente, non fosse tanto lottatrice, piangerebbe. Così scrive. Seria, tanto seria lei che – sempre – dell’ironia e dell’autoironia è una portatrice sana. Vuole contenersi e non ha neanche voglia di parlare pur di non far capire a nessuno che rischia di sentirsi impotente. Eppure un rospo da sputare lo ha, eccome.
Aspettava dei documenti importanti oltre un anno fa: non le furono recapitati. Dopo pochi mesi accadde persino che, alcune analisi cliniche importantissime, speditele dall’ospedale regionale, non le arrivarono… o, più precisamente, non furono recapitate a lei ma ad un cespuglio della piazza in paese. Sì: le trovò un uomo e, leggendo il mittente, le portò al farmacista chiedendo se conoscesse il destinatario. Fortuna volle che il farmacista – che abita a cento metri da lei da generazioni ed è amico di famiglia – le consegnò a sua madre. Stavolta dei documenti importanti le sono stati spediti ma, dopo una trafila lunga più di una quaresima, sono stati rimandati al mittente con tanto di scritta “Destinatario inesistente”. Lei sarebbe inesistente. Che cosa strana… abita in un paese talmente piccolo, ma così piccolo dove ci si conosce tutti e dove non c’è niente. Un paese in cui sono così pochi che si danno i turni anche per chi fa lo scemo del villaggio tanto son poche anime. Pochi: è chiaro no ?
Lei, poi, è figlia di una famiglia che abita esattamente al centro, sopra ad un negozio che esiste da tre generazioni almeno: la conoscono e riconoscono da ben quarantatre anni. Quasi quarantaquattro.
Però, da un pò di tempo, da quando le Poste hanno smesso di funzionare, le sue lettere non arrivano più. Arrivano dentro ad una aiuola dei giardini pubblici, buttate là, oppure ritornano all’ufficio postale con scritto “Destinatario inesistente”.
Sicuramente il postino suona mica due volte: il postino non suona affatto poichè lei, ogni santo giorno (o ogni maledetto giorno) è a casa, su quella scrivania, con quel portatile con cui fa le sue cose. Aspettando i suoi documenti invano. Waiting for Godot. La commedia dell’assurdo.
Oggi ha saputo tutto questo grazie ad un suo amico che ha delle conoscenze con gli uffici di competenza in merito a quei documenti di fondamentale importanza che aspettava da ben nove mesi, un parto. A questo suo amico hanno spiegato di essersi visti riportare la documentazione indietro con scritto “Destinatario inesistente”. Lei, insomma, per i suoi diritti di cittadina non esiste. Lei è impotente perchè non esiste – secondo loro – quindi o denuncia le Poste italiane (a questo punto) oppure lascia che continuino a gettare nelle siepi anche le sue analisi cliniche oltre che le notifiche inviatele dall’Imps, notifiche senza le quali non può usufruire della legge specifica di cui – è stato certificato – ha diritto.
E’ arrabbiata, ovvio. Cosa deve fare, tacere ancora, denunciare, cosa ?
Si è fatta l’ennesimo caffè, si è infilata in una vasca d’acqua bollente, ha parlato con la sua gatta nera che la segue sempre ogni volta che va a farsi il bagno: salta sul bordo della vasca e si accovaccia vicino a lei, propio come ogni notte la segue nel letto.
Trova sia assolutamente più intelligente parlare con quella gatta che è la sua ombra ormai da quattordici anni.
Trova che siano stipendi rubati quelli dei postini che lavorano nel suo paese.
Magari non tutti, certo, non si può colpevolizzare il mondo intero ma come è possibile mai che nell’epoca in cui vive sia ancora da rimpiangere il piccione viaggiatore ?
Oggi non ride. Trema di rabbia e le fa male lo stomaco: si sente avvelenata. Le tremano persino le mani e fa fatica anche a scrivere.
Potrebbe prendere un calmante, una comune benzodiazepina, starebbe meglio, non avrebbe il fianco scoperto. No, non lo fa, non cede. Si limita a sopportare: è bravissima nel sopportare. Prende solo un blando analgesico perchè la testa le rimbomba come se dentro ci fosse un amplificatore e le gira veloce anche, sembra un tagadan.
Però sopporta perchè lei sa di essere una roccia: difficilmente scalfibile, e pensa piuttosto, pensa.
Lucidamente arrabbiata, lei, pensa a come deve fare per non cedere ad una crisi di nervi perchè, piuttosto che piagnucolare e lasciarsi schiacciare da un sistema di cose che non funziona, lei vuole e deve trovare una soluzione.
Le mentelettriche, quelle come lei, restano fermamente e saldamente lucide, soprattutto quando gli altri perdono la ragione.
Un elettroshock agli idioti comuni, quello ci sarebbe da fare, non l’elettroencefalogramma a lei: sa già che i picchi di punte e polipunte onda oggi sarebbero altissimi. Oggi il suo cervello sprigiona la scossa ma lei è troppo decisa e non lascerà che una sola lacrima di disperazione la possa rendere fragile. Oggi è bene non trovarsi in rotta di collisione con lei perchè ha sfoderato il suo coltello invisibile e lo tiene stretto fra i denti. Si sforza di riporlo, piuttosto.
Meglio per il poveraccio che si trovasse a capitarle di strada intralciandole il cammino, in questa ottusa società sessista e bigotta in cui una persona pulita come lei sa di essere ha subito persino la condanna di un prete ottuso che non le diede l’assoluzione, quasi venti anni prima, perchè si era separata e la definì “Non in grazia di Dio”.
Oggi si ricorda persino di lui e ammette di non averlo mai perdonato, anche.
Oggi, come fosse il circo dei burattini, le sfilano personaggi avanti agli occhi che avrebbe preferito non incontrare mai nella sua vita. Così lo scrive. Se qualcuno li riconoscesse – adesso che lei li racconterà man mano – non le piacerebbe: perciò si limita a un paio di postini sfaticati e ad un frate che era già una vecchia cariatide quasi venti anni fa e che si sentiva ancora influenzato dal medio evo.
Ora un pensiero buffo la fa sorridere, finalmente.
Lei col marchio scarlatto addosso sa già di comico.
Dovrebbe commettere qualche peccato vero per meritarsi la condanna che le è stata data gratuitamente, accipicchia, troppa virtù annoia. Va anche detto che lei sostiene la meritocrazia perciò, prima o poi, un qualche peccato se lo dovrà scegliere seriamente.

Pubblicato da Paola Cingolani

Paola Cingolani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: